Stagione teatrale 2023 e Le Domeniche a teatro

Pubblicato il 30 novembre 2022 • Comunicati Stampa , Cultura

Con il 2023 tornano al Teatro San Pietro di Montecchio Maggiore l’attesa stagione teatrale e la rassegna per bambini e famiglie “Le domeniche a teatro”.  Entrambe le programmazioni - rispettivamente di 6 e 4 spettacoli - sono promosse e organizzate dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Montecchio Maggiore con la collaborazione del Circuito Teatrale Arteven / Regione del Veneto.

«Ritrova continuità nel 2023, dopo gli anni difficili della pandemia, la stagione teatrale invernale proposta dal Comune di Montecchio Maggiore in collaborazione con il Circuito Regionale Teatrale Arteven. Saranno 6 spettacoli d’autore che gli appassionati potranno apprezzare nella struttura parrocchiale del Cinema Teatro San Pietro - dichiarano il vicesindaco e assessore alla Cultura, Claudio Meggiolaro e il sindaco di Montecchio Maggiore, Gianfranco Trapula - in attesa che il Teatro Sant’Antonio sia restituito alla comunità restaurato e pienamente funzionale ad accogliere una programmazione ancora più ricca e articolata».

Apertura di sipario il 25 gennaio con i Fratelli Dalla Via nel loro Drammatica elementare. Dopo il Devoto-Oli, il Sabatini–Coletti, il Castiglione–Mariotti, arriva il Dalla Via-Dalla Via (Marta e Diego), l’improbabile dizionario zibaldone di due alunni, approssimativamente analfabeti, auto affermatisi autori avanguardisti. In Drammatica elementare sono le rigide gabbie del gioco linguistico che finiscono per liberare la parola in un dissacrante abbecedario contemporaneo in forma di racconto.

Mercoledì 8 febbraio spazio a una commedia frizzante, ricca di colpi di scena e situazioni paradossali nel progressivo scambio di ruoli: da tradito a carnefice, da amante a vittima, da idolo a morituro: Camera con crimini di Sam Bobrick e Ron Clark, regia di Piergiorgio Piccoli, con Sergio Sgrilli, Corinna Grandi e Aristide Genovese. Arlene è confusa e combattuta tra la stabile routine col marito Paul, venditore di automobili banale e grigio, e la forte passione per l’amante Mitchell, dentista belloccio e presuntuoso. Nessuno dei tre riuscirà ad affermare con dignità la propria natura né a farsi amare per ciò che è.

La più strana delle meraviglie è il titolo del monologo dedicato a Shakespeare che, il 22 febbraio, porta in scena l’autore e interprete Roberto Mercadini che scrive: “Provo a raccontarvi lui, il suo tempo, il suo teatro, lo stupore e lo sgomento che io sento di fronte a questo titano. Ci provo usando le stesse parole che lui fa pronunciare ai suoi stupefatti e sgomenti personaggi. Vale a dire, vi parlo di Shakespeare con le frasi che lui ha usato per parlare di tutti noi. Quelle frasi che sembrano già dire ogni cosa”.

Nella giornata della donna, l’8 marzo, spazio a Marta Zoboli che con Simply the best porta a Montecchio uno spettacolo sul compleanno, sui 40 anni, che poi per altri possono essere 30 o 72 o 19… un monologo sul compleanno + 1 ossia sul giorno dopo. Il giorno dopo la festa, dopo i dirty martini, i ricordi, le illuminazioni, gli incontri nuovi e vecchi, il gridato e il non detto, dopo i balli, il sesso, il sonno. Simply the best è uno spettacolo sulla difficoltà di stare in mezzo, sull’inadeguatezza, sul giudizio, sulla ricerca della propria libertà e verità.

 Giovedì 23 marzo Fabio Troiano è il protagonista del monologo Il Dio bambino, testo e musiche di Giorgio Gaber e Sandro Luporini, regia di Giorgio Gallione. Scritto nel 1993 da Gaber e Luporini, racconta una normale storia d’amore che si sviluppa nell’arco di alcuni anni e dà agli autori l’occasione di indagare su l’Uomo, per cercare di capire se ce l’ha fatta a diventare adulto o è rimasto irrimediabilmente bambino, un bambino che si vanta della sua affascinante spontaneità invece di vergognarsi di un’eterna fanciullezza.

La Stagione Teatrale si conclude il 5 aprile con Storie d’acqua - Meditazione sul clima di Gabriele Vacis, con Gabriele Vacis e Christian Burruano. “Non si è mai al sicuro, in nessun posto. Quando c’è di mezzo l’acqua”. La forza dell’acqua ti viene a prendere dovunque sei, quando meno te l’aspetti. È una metafora della vita stessa, che continua a riservare sorprese anche quando sembra dominata dall’enfasi della sicurezza. Acqua del Mediterraneo, del Polesine, dello Tsunami, acqua dei mille posti attraversati o inondati, più o meno noti: vicende terribili, dalle quali chi è riuscito a sopravvivere ha ricavato una nuova consapevolezza della precarietà umana e trovato la forza per continuare a vivere.

Inizio spettacoli ore 21.

 Abbonamenti Platea € 80 - Galleria € 70 acquistabili presso l’Ufficio Cultura dal lunedì al venerdì ore 9.00 – 12.30. Biglietti (posti numerati) Platea € 18 - Galleria € 15 - Ridotto studenti € 10. Prevendita biglietti dal 5 dicembre online senza costi aggiuntivi su myarteven.it, vivaticket.com e relativi punti vendita oppure presso Ufficio Cultura dal lunedì al venerdì ore 9.00 - 12.30. Vendita la sera di spettacolo in Teatro a partire dalle ore 20. Per l’acquisto è possibile utilizzare i voucher Vivaticket di Arteven. Informazioni: Ufficio Cultura, Via Roma 5, Montecchio Maggiore 0444 705768 - cultura@comune.montecchio-maggiore.vi.it - www.comune.montecchio-maggiore.vi.it  - www.myarteven.it

Tra gennaio e marzo si svolge anche la rassegna per bambini e famiglie “Le domenche a teatro”, inizio spettacoli alle 16. Domenica 22 gennaio Matàz Teatro presenta Super! Sirenetta cercasi, spettacolo tratto dalla rielaborazione della fiaba di Hans Christan Andersen. Protagonista Piccola, un clown che vive in un mondo popolato da patinati super eroi e che un giorno ha l’occasione di diventare il suo super eroe preferito, la Sirenetta.

Domenica 12 febbraio Elfi e folletti, fate e principesse, incantesimi e intrighi sono alla base di questo adattamento della più famosa commedia di Shakespeare: Sogno di una notte di mezza estate nel riadattamento di Giacomo Pierobon per il Centro Teatrale Da Ponte. La storia ruota intorno a due coppie di innamorati, un buffo gruppo di attori, il re degli elfi e la regina delle fate con la loro corte. A complicare le vicende dei personaggi creando equivoci, facendo scherzi e bizzarre magie c’è Puck, il folletto dispettoso, capace di far sognare grandi e piccini.

Cosa può capitare se tre clown scappati da un circo ed un vecchio attore di teatro decidono di raccontare la famosa storia dei Tre Porcellini? Lo scopriremo domenica 5 marzo con Il Gruppo Teatrale Panta Rei. Basta cambiare i nasi rossi in musi rosa ed ecco che la fiaba prende forma, con un lupo pronto a pavoneggiarsi e i tre protagonisti che danno vita ad una serie di gag e situazioni divertenti e surreali.  Il programma si conclude il 26 marzo con Bam!Bam! Teatro in Moby Dick, spettacolo omaggio per i 200 anni dalla nascita di Herman Melville. Sulla scena una carcassa di legno, un pianoforte verticale che diventerà il fulcro dell’azione “un'isola di legno e suoni”, l'unico ponte per avvicinarsi a comprendere il maestoso capodoglio dalla testa bianca: Moby Dick.

Abbonamento unico € 15. Biglietto € 5. Informazioni: Ufficio Cultura, Via Roma 5, Montecchio Maggiore 0444 705768 - cultura@comune.montecchio-maggiore.vi.it - www.comune.montecchio-maggiore.vi.it  - www.myarteven.it

Un ringraziamento particolare va agli sponsor che da anni sostengono la Stagione Teatrale montecchiana: BCC Vicentino Pojana Maggiore, Studio Palma avvocati e commercialisti di Montecchio Maggiore e Axera TLC & ICT Solutions di Montecchio Maggiore.