Acque del Chiampo al lavoro di notte per garantire il servizio idrico

Pubblicato il 14 aprile 2022 • Comunicati Stampa

Dal sito web di Acque del Chiampo

Arzignano e Montecchio, Acque del Chiampo al lavoro fino alle 3 di notte per garantire il servizio idrico a 2.000 famiglie rimaste senz’acqua

 Due squadre di tecnici e operatori al lavoro per 10 ore consecutive, dalle 17 alle 3 di notte, con escavatori e strumentazioni varie per ripristinare il servizio idrico per oltre 2.000 abitanti tra Arzignano e Montecchio rimasti senz’acqua.

Ieri pomeriggio poco prima delle 17 è scattato l’allarme. Nel cantiere per il rifacimento della pavimentazione stradale in via Vicenza a Villaggio Giardino ad Arzignano, davanti all’istituto Galilei, una macchina fresatrice ha divelto un tombino in ghisa provocando la rottura di una condotta dell’acquedotto.

Subito è scattato l’intervento di Acque del Chiampo. Inizialmente sembrava che il problema fosse limitato ad alcune vie di Villaggio Giardino per cui si stava predisponendo l’interruzione del servizio idrico a partire dalle 18, per permettere la riparazione del guasto. 

Successivamente, è risultato evidente che il danno era più vasto, perché interessava la condotta principale da 450 millimetri in acciaio dell’acquedotto, rendendo quindi necessario lo stop ai pozzi di Canove e l’interruzione del servizio per una zona ben più ampia. È stata quindi programmata l’interruzione dalle ore 22 dell'erogazione del servizio idrico a Tezze, Costo, Restena e parte di Villaggio Giardino ad Arzignano, e a Ghisa a Montecchio, per oltre 2000 persone interessate: un intervento di vastità eccezionale che si può verificare in media ogni 5 anni.

Sono intervenute due squadre, una di Acque del Chiampo e una di una ditta esterna incaricata, entrambe composte da 4 persone con due escavatori; a coordinare le operazioni c’erano il responsabile dell’acquedotto Willi Randon, il direttore generale Andrea Chiorboli e il vice presidente Guglielmo Dal Ceredo, presenti sul posto per monitorare l’evolversi della situazione fino al termine delle operazioni.

La sospensione del servizio idrico ha permesso di svuotare completamente la condotta per effettuare il delicato intervento di ripristino. Le operazioni per riparare la rottura si sono concluse alle 3 di notte con la saldatura della tubazione; a quel punto, è iniziata la seconda fase dell’intervento, anch’essa molto delicata, con la riattivazione dei pozzi, il riempimento della rete, il raggiungimento della pressione di esercizio e il ripristino del servizio che è avvenuto rapidamente, senza ulteriori problemi. 

Per gli utenti potrebbero presentarsi fenomeni temporanei di torbidità nell’acqua del rubinetto a causa della presenza di aria residua nelle condotte: basta far scorrere l'acqua dal rubinetto per qualche minuto per risolvere il problema.

Da subito sono state allertate le autorità competenti e sono stati predisposti gli interventi per informare in tempo reale con sms la popolazione, che ha avuto anche a disposizione il numero verde gratuito per le emergenze 800 990 050.

Link al sito di Acque del Chiampo