stemma
stemma_comune Header castellocordellinacastello2
 
Home arrow Archivio Completo arrow Apertura del complesso sotterraneo "Le Priare"
Cerca nel sito:
Apertura del complesso sotterraneo "Le Priare"
grotta.jpg
























Inizieranno domenica 14 dicembre 2008 le prime visite al Complesso Ipogeo "Le Priare" di Montecchio Maggiore. I lavori di recupero del sito sono stati eseguiti dall'Amministrazione Comunale in collaborazione con il Club Speleologico Proteo di Vicenza.

L'apertura sarà preceduta da una Serata Pubblica di restituzione, aperta a tutta la cittadinanza, dedicata al Progetto di valorizzazione e recupero del Complesso Ipogeo "Le Priare". La serata è in programma giovedì 11 dicembre 2008 alle ore 20.30 nella Sala Civica in Corte delle Filande. Il Progetto sarà presentato dal prof. Paolo Mietto, geologo del C.S. Proteo, e saranno presenti i responsabili dell'Ufficio Tecnico comunale che hanno seguito il progetto. Per le visite guidate al Complesso Ipogeo "Le Priare" è necessaria la prenotazione telefonica, effettuabile a partire da martedì 9 dicembre 2008 presso la Pro Loco Montecchio Maggiore (dal lunedì al venerdì 10.00-12.30 e 17.00-18.30).

Il complesso delle cave sotterranee detto delle "Priare", secondo la denominazione locale, si trova sulla sommità della dorsale collinare di Montecchio Maggiore, poco sotto uno dei due castelli scaligeri di Bellaguardia e della Villa, meglio noti come "i castelli di Giulietta e Romeo" e, più precisamente, sotto quello della Bellaguardia. Il sistema sotterraneo trae origine dall'estrazione della "pietra tenera" o "pietra di Vicenza", un materiale da costruzione assai pregiato, utilizzato in edilizia e per opere architettoniche. L'origine delle cave di Montecchio è da porre in relazione con la costruzione dei complessi fortificati, eretti in varie epoche alla sommità del monte. Fonti archeologiche attestano la presenza romana nel sito tra il II e IV secolo d.C. La posizione strategica del colle rende molto probabile che in questo luogo sorgessero fortificazioni già in epoca remota, anche se le prime notizie documentate della loro presenza sono del 1231. A questa data fa infatti riferimento la presenza di cave per l'estrazione della pietra, tant'è che nelle Cronache di Giovan Battista Paglierino (1415-1506), poi riprese da Francesco Barbarano (1596-1656), si afferma a proposito del Ponte Pusterla di Vicenza che nellanno 1231 «fu fabbricato in pietra, e la comunità di Montecchio Maggiore per certo delitto fu condannata di dare, e condurre tutte le pietre necessarie per detta fabbrica.»
L'estrazione della pietra è stata attiva fino a dopo la seconda guerra mondiale. Durante il conflitto le Priare servirono da ricovero alla popolazione locale, che qui trovò sicuro rifugio dai bombardamenti aerei. Sembra che proprio in questo periodo siano stati realizzati lavori di riadattamento, come molte delle tamponature che chiudono i vani laterali del complesso sotterraneo. Dopo la guerra, abbandonata definitivamente l'attività estrattiva, le Priare furono utilizzate, tra il 1972 e il 1985, come fungaia. Dopo questa data il sistema sotterraneo subì un inesorabile degrado, anche a seguito dell'abbandono degli impianti della fungaia. Nel 2000 il Club Speleologico Proteo di Vicenza iniziò una serie di indagini all'interno del complesso sotterraneo. In questa fase venne esplorata una serie di cavità naturali intersecate dalla cava e si eseguì un dettagliato rilievo topografico dell'intero complesso ipogeo, cui seguirono ricerche per inquadrare correttamente il sistema sotterraneo e la sua storia. Un originale progetto di valorizzazione, elaborato dagli speleologi vicentini, fu accolto favorevolmente dall'Amministrazione Comunale di Montecchio Maggiore, che diede l'avvio alla realizzazione e alla esecuzione di un progetto definitivo di recupero e valorizzazione turistico-culturale del sistema ipogeo, integrato in un'area, quella dei Castelli della Villa e di Bellaguardia, già di per sé straordinariamente rilevante sul piano archeologico, storico, letterario.

Le visite al complesso sotterraneo avvengono in totale sicurezza e sotto la guida di un accompagnatore qualificato, in grado di soddisfare le molte curiosità che questo singolare sito senza dubbio potrà suscitare nel visitatore.
I vasti ambienti sotterranei sono composti dal ramo principale, che conduce alla parte più interna e profonda del sistema a circa 200 metri dall'ingresso con un dislivello negativo di circa 8,50 metri e da un ramo secondario di circa 300 metri che, dalla parte mediana della cavità, sottostante il castello di Bellaguardia, come una vera e propria via di fuga, conduce ad una seconda uscita, ubicata a circa 160 metri dall'ingresso principale. Per motivi di sicurezza, tuttavia, solo una parte del ramo principale è aperto alla visita. Lungo il percorso appositi punti visita provvisti di adeguate didascalie permettono di illustrare con dettaglio gli elementi salienti della geologia e della storia del sito. Il complesso sotterraneo ha uno sviluppo spaziale di 1475 metri, di cui 1186 relativi ai vani artificiali e 289 metri alle 25 cavità naturali intercettate nello scavo della pietra e relative a fenomeni di epicarsismo. Il punto nodale della cavità è il "vano della morte", situato nella parte più profonda e interna del sistema ipogeo. Secondo una tradizione, peraltro comune a molte fortificazioni medievali, nel mastio del Castello di Bellaguardia, o di Giulietta, sarebbe presente un pozzo in cui venivano gettati i condannati a morte, ed è forse a quest'ultimo che allude la denominazione del vano. Qui si trovano effettivamente degli alti camini naturali, di cui uno sbarrato da una grata metallica; il rilievo topografico ha tuttavia evidenziato che i camini si trovano circa 70 metri al di fuori delle mura di cinta del castello, così che la leggenda popolare non trova fondamento nei fatti.

CONSIGLI AI VISITATORI
- Indossare l'elmetto protettivo ed attivare la torcia o altro dispositivo luminoso forniti dal gestore contestualmente all'ingresso nelle Priare, segnalando all'accompagnatore un eventuale mancato funzionamento.
- Essere abbigliati con capi di vestiario adatti a temperature oscillanti tra i 10°C e i 15°C, oltre che con calzature con suola di gomma antiscivolo (scarpe da ginnastica, trekking o pedule).
- Muoversi in gruppo, con ordine e compostezza, al seguito dell'accompagnatore; la scarsa illuminazione e l'articolazione complessa delle cavità consigliano infatti di non allontanarsi per iniziativa personale dai percorsi predisposti per la visita.
- Non sono consentiti schiamazzi, è vietato fumare, mangiare o bere durante la visita guidata, così come sporcare in qualsiasi modo gli ambienti del complesso ipogeo.
 - Non sono autorizzate riprese fotografiche o filmate all'interno del sito delle Priare.

PERIODICITÀ DELLE VISITE
Le visite alle PRIARE si terranno ogni domenica e giorni festivi dalle 14.30 alle 17.30.
[Chiuso nel periodo natalizio fino all'Epifania, Pasqua e Ferragosto].
Per scolaresche o gruppi di almeno 10 persone sarà possibile concordare un giorno per la visita diverso dalla domenica. La prenotazione delle visite, necessaria per gruppi o comitive, è comunque consigliata a tutti.

INGRESSI
Euro 5,00 intero
Euro 3,00 >60 anni; <18 anni; possessori CartaGiovani Euro<26; quota individuale per comitive
Euro 1,00 quota individuale per scolaresche

Ultimo aggiornamento ( venerdì 19 dicembre 2008 )
 
 
 
 
 
Il Comune
Amministrazione Trasparente
Trasparenza dal 17/02/2017
Sindaco
Giunta
Consiglio Comunale
Diretta Consiglio Comunale
Commissioni Consigliari
Area FTP
Uffici Comunali
Albo Pretorio
Pubblicazioni di matrimonio
Delibere fino al 16/02/2017
Delibere dal 17/02/2017
Determine fino al 16/02/2017
Determine dal 17/02/2017
Ordinanze fino al 16/02/2017
Ordinanze dal 17/02/2017
Statuto e regolamenti
SUE - Edilizia Privata
link_pfas.jpg
link_servizionlinecittadino.jpg




banner_suap.png




banner_sue.png




link_defibrillatori.jpg




imu-tasi_b4a285ed88d7d44c510065a482344905.png








link_cuc.jpg
Servizi Comunali
Ambiente
Anagrafe Stato Civ. Elettorale.
Biblioteca Civica
Cultura e Manifestazioni
Informagiovani
Lavori Pubblici
Museo Civico
Piano Regolatore Generale
Pratiche edilizie on line
Protezione Civile
Servizio scolastico
Servizio sociale
Servizio tributi
SUAP
URP - Relazioni con il pubblico
Verde
Plan. case sparse/frazioni
Modulistica, bandi e gare
Modulistica
Bandi e gare
SUE - Edilizia Privata
Informazione
Avvisi
Bilancio Comunale
IBAN e pagamenti
Calendario Eventi
Portale nazionale del cittadino
Qualità
Risultati elettorali
Statistiche demografiche
Archivio Completo
Cerca nel sito
Vivere la Città
Storia della Città
Monumenti
Itinerari
Associazioni
Mappa
Numeri utili
Accessibilità
Informazioni sull'accessibilità
Mappa del sito
Visitatori
mod_vvisit_counterOggi70
mod_vvisit_counterTotale2164948
Valid XHTML 1.0 Strict
CSS Valido!
COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE
CAP 36075 via Roma,5 - CF e P.Iva 00163690241 - tel. 0444/705611 - fax 0444/694888
e-mail montecchiomaggiore.vi@cert.ip-veneto.net

Note legali, Privacy e Cookies